Progetto Piano Terra
Il progetto di restauro del Casello Daziario di Ponente ha avuto come obiettivo il mantenimento delle caratteristiche storico-architettoniche del luogo, ottimizzandone nel contempo le funzionalità. Si sono introdotti nuovi elementi impiantistici ed architettonici avendo cura di differenziare l’innovazione dalla preesistenza storica.
Le nuove superfici vetrate a chiusura del colonnato e dei due accessi monumentali da piazza Sempione, oltre la copertura vetrata del giardino d’inverno, sono interventi fondamentali per l’attuazione del programma di rifuzionalizzione in progetto. Il minimo impatto visivo dei sistemi di sostegno delle vetrocamere, ed il mantenimento degli arretramenti e dei profili principali dell’architettura non modificano visivamente il rapporto fra pieni e vuoti del volume esterno, rendendo gli spazi interni molto luminosi.
L’atrio a tutta altezza con accesso diretto dall’esterno è un suggestivo volume a pianta quadrata con pavimentazione in beola fiammata e copertura a volta su cui affacciano le balconate del primo piano e la passerella di nuova realizzazione in acciaio e vetro.
Sommati ad atrio e vestibolo, ulteriori nove ambienti possono essere liberamente allestiti per utilizzi differenti. Una stanza di regia permette di gestire impianto luci, proiezioni e suoni. Viene fornita una dotazione impiantistica di base implementabile in funzione alle necessità del singolo evento.
Il piano terra è collegato al piano primo da un ascensore di nuova realizzazione e da due corpi scala storici ed è dotato di impianto di riscaldamento e raffrescamento.
Di seguito alcune misure degli spazi più significativi a disposizione al piano terra:
atrio, vestibolo e cortile coperto con superficie di 250 mq; scale e ascensore con superficie di 30 mq; ingresso, sale e servizi con superficie di 230 mq per un totale di ca. 510 mq.
Progetto Piano Primo
Collegato al piano terra attraverso due corpi scala ed un ascensore di nuova realizzazione, il livello superiore del Casello Daziario di Ponente si sviluppa su di un impianto quadrato e il progetto, come per il piano terra, ha seguito il principio guida consistente nel minimizzare gli interventi al fine di salvaguardare lo stato di fatto. Ogni corpo scala conduce ad una delle due balconate, entrambe sorrette da importanti mensole e con balaustre in pietra. Questi eleganti elementi, parti del linguaggio Neoclassico dell’architettura del monumento storico, sono collegati fra loro da una passerella sospesa in vetro e acciaio dalla quale si ha una visione suggestiva degli ambienti del piano terra e dell’esterno. Dalle balconate si accede a cinque stanze, ad ovest, adiacenti l’emiciclo disposte in successione l’una all’altra con interessante suggestione prospettica, ed a due stanze, ad est, con affaccio sul vestibolo a doppia altezza del piano terra. Tutti gli ambienti sono dotati di ampie aperture finestrate che garantiscono un ottimo apporto di luce naturale e sono modulabili ed allestibili in base alle specifiche esigenze del singolo evento.
Il piano primo è dotato di impianto di riscaldamento e raffrescamento.
Di seguito alcune misure degli spazi più significativi a disposizione al piano primo:
balconate con superficie di 30 mq; scale e ascensore con superficie di 25 mq; sale, servizi ed uffici con superficie di 153 mq per un totale di ca. 208 mq.